Prix Sana 2012

  • Il 20 settembre 2012 Fondation Sana ha conferito a Berna il secondo Prix Sana. Sono state premiate quattro persone, che da anni s’impegnano in modo ammirevole per la salute e la qualità della vita di malati o disabili.

    La giuria del Prix Sana, presieduta dal Prof. Dr. René Prêtre (pediatra e Svizzero dall’anno 2009), ha riconosciuto l’impegno straordinario dei tre vincitori del Prix Sana, selezionati tra circa 100 candidati. Il premio ammonta complessivamente a 30’000 franchi. Ieri si è tenuta la cerimonia di premiazione condotta da Nik Harman, durante la quale sono stati resi noti i vincitori e consegnati i premi.

    Primo premio conferito ad una coppia di genitori adottivi

    Il primo posto del Prix Sana 2012 è stato riconosciuto a Jean-Paul e Nicole Wettstein. La coppia di Le Locle ha adottato cinque bambini indiani disabili. Con tanto amore, tempo, energia e impegno finanziario, la coppia si è presa cura dei bambini e delle loro sofferenze fisiche e psichiche. Grazie al sostegno di Jean-Paul e Nicole Wettstein, tre di questi ragazzi hanno portato a termine un percorso di formazione. Ad oggi la coppia si occupa con grande spirito di sacrificio del figlio autistico. Nicole Wettstein è gravemente malata da sei anni e si è già sottoposta a 28 interventi chirurgici.

    Riconoscimento per benefattori straordinari

    Oltre ai coniugi Wettstein, il Prix Sana ha premiato anche con il 2° e 3° posto Roger Gautschi di Konolfingen e Alexander Raouzeos di Münchenstein per il loro straordinario impegno. Fino ad oggi Roger Gautschi ha donato oltre 130 litri di sangue, più di chiunque altro nel cantone di Berna, e probabilmente anche in tutta la Svizzera. Continua ad effettuare donazioni regolari due volte al mese con una speciale procedura. Ciò ha aiutato molte persone a guarire o addirittura ha consentito loro di sopravvivere. Per Roger Gautschi la donazione anonima del sangue offre la possibilità di far del bene, senza che nessuno debba sentirsi obbligato a ringraziare. Alexander Raouzeos, il terzo vincitore, sostiene da anni gli orfani del Kosovo e con impegno instancabile raccoglie denaro e altri mezzi di sostentamento per organizzazioni come il WWF o Medici Senza Frontiere (MSF). Il suo impegno è attivo, nonostante egli stesso soffra di una disabilità fisica conseguente a un tumore che lo ha colpito da bambino e che l’ha reso tetraplegico con afasia. Per esempio, a favore del Kinderspitex ha realizzato e poi messo in vendita un libro battuto a macchina con un solo dito, frutto di uno sforzo immenso. Infine progetta e vende cartoline artistiche, memory e segnalibri, devolvendo il ricavato in beneficenza. La giuria si è dimostrata molto colpita dall’indomita gioia di vivere e dall’infaticabile impegno di un giovane uomo colpito in prima persona da gravi problemi di salute.

    Si cercano candidati per il Prix Sana 2013

    Con il Prix Sana, la Fondation Sana premia ogni anno una o più persone per il loro impegno disinteressato a favore dei malati. Per trovare queste eroine ed eroi silenziosi, la Fondation Sana si affida alla collaborazione dei cittadini. Le proposte per i candidati al Prix Sana 2013 possono essere presentate fin da ora. Le condizioni e il modulo di richiesta sono disponibili sul sito: www.fondation-sana.ch.

    Fondation Sana

    La Fondation Sana è una fondazione di pubblica utilità nel settore sanitario e azionista principale del gruppo Helsana. Si impegna attivamente per un sistema sociosanitario ben strutturato, operando tra l’altro con il Fondo assistenza d’emergenza per gli assicurati, il Fondo a sostegno della salute, con ricerca e prevenzione e con l’assegnazione del premio Prix Sana.